Review in pillole - L'incubo di Hill House LouchoBi BookS Parliamo di libri

News

LouchoBi BookS Parliamo di libri

Benvenuti, Amicony! Louchobi Books è un blog che parla di libri, fumetti, curiosità, novità, di tutto quello che vive attorno al mondo di inchiostro o di eInk. Un tavolo attorno cui si siedono gli amici per parlare delle loro letture e scambiarsi idee, consigli, scoperte, opinioni. Buona vita, Amicony e non smettete mai di sognare!

giovedì 18 ottobre 2018

Review in pillole - L'incubo di Hill House

Ciao Amicony,
questa piccola rubrica che chiameremo Review in pillole raccoglie brevissime e telegrafiche impressioni che ho avuto a caldo subito dopo la lettura di determinati titoli, più o meno famosi, di cui lascio recensioni più approfondite a chi è più competente di me per parlarne o che potete tranquillamente trovarne a quintalate in rete.

Quindi via a questa nuova serie di opinioni-non-richieste con uno dei libri più discussi del momento, per via del periodo certamente da brivido ma anche per il rilancio che Adelphi ultimamente sta facendo attorno a questa autrice, Shirley Jackson, maestra spirituale e platonica, tra le altre cose, di Stephen King.
Tutti i libri di Shirley Jackson sono editi in Italia da Adelphi, gli ultimi, di recente pubblicazione, in contemporanea all'uscita sulla piattaforma Netflix della serie ispirata proprio a questo romanzo.
Da questo libro sono stati tratti altri due adattamenti cinematografici The haunting e Gli invasati.


Acquistalo cliccando qui:

Fuori fuoco, vuoto e contrastato.
Non potevo descrivere altrimenti questo libro.
Scritto divinamente, divertente nella sua ironia da commedia e decisamente leggero come libro.
Però mi aspettavo qualcosa di davvero diverso.
Mi aspettavo brividi, terrore, soprannaturale.
No.
Praticamente niente del genere.
Bello e intenso ma non è un romanzo gotico, non è una storia di fantasmi e non è un romanzo che fa paura.
Ho adorato la poesia con cui viene affrontata una sorta di follia che permea tutti i personaggi e la narrazione stessa che trascina il lettore attraverso le pagine attirando l'attenzione come un vortice ipnotico.

Consigliato a chi vuol leggere qualcosa di diverso dal solito, spassoso e rilassato ma davvero penetrante.
Chiaramente la Jackson si riconferma una scrittrice di talento e originale che ci è stata portata via tropo presto e recupererò anche "La lotteria", ma non mi faccio aspettative stavolta.
Della Jackson ho letto anche "Abbiamo sempre vissuto nel castello" e attendo con ansia di leggere "Lizzie" e "Paranoia" quest'ultimo di recente pubblicazione.