Nell'antro dell'alchimista - Angela Carter [recensione] LouchoBi BookS Parliamo di libri

News

LouchoBi BookS Parliamo di libri

Benvenuti, Amicony! Louchobi Books è un blog che parla di libri, fumetti, curiosità, novità, di tutto quello che vive attorno al mondo di inchiostro o di eInk. Un tavolo attorno cui si siedono gli amici per parlare delle loro letture e scambiarsi idee, consigli, scoperte, opinioni. Buona vita, Amicony e non smettete mai di sognare!

lunedì 23 dicembre 2019

Nell'antro dell'alchimista - Angela Carter [recensione]

Ciao a tutti Amicony, bentrovati, oggi vi parlo de Nell'antro dell'alchimista di Angela Carter, edito Fazi editore!
Fuori nevica, in casa c'è un bel calduccio e ho un cane che mi tira il bordo della tuta perché vuole che le tiri un biscottino manco avessi la-pignatta-magica-dei-biscottini-per-cani sulla scrivania.
In effetti ce l'ho, ma ora si sta ricaricando di polvere magica.
No, non sono impazzito, ho letto questa raccolta di racconti.

Nell'antro dell'alchimista - Angela Carter

Tutto comincia quando, bazzicando su Instagram, inciampo in una storia delle mie strepifantasticose cuginette-in-libri Sottolacopertina (se clicchi sopra il nome ti faccio vedere chi sono su Instagram, poi da li trovi il loro blog eccetera eccetera) che parlava di una autrice che avevo sentito nominare spesso ma che ancora non conoscevo bene: Angela Carter è così entrata nella mia vita come un fulmine a ciel sereno.
Quindi, vabbeh, han fatto pure l'hashtag (#LEGGIAMOangelacarter) e il GdL...
Vi consiglio un giro tra i loro circoletti in evidenza e un salto sul loro blog per conoscere meglio l'autrice e le due pazze dietro al profilo.
Introduzione di Salman Rushdie
Traduzione di Susanna Basso e Rossella Bernascone
Scomparsa al culmine della sua carriera, dotata di un estro narrativo magico e irraggiungibile, Angela Carter ha scritto romanzi e racconti, e sono stati proprio questi ultimi a consacrarla come una delle autrici più talentuose del ventesimo secolo.
Nell'antro dell’alchimista – diviso in due volumi di cui questo è il primo – raccoglie la produzione migliore di un’autrice fondamentale. La camera di sangue, secondo Salman Rushdie il capolavoro per cui verrà sempre ricordata, è una serie di bellissime fiabe in chiave moderna, libere riscritture di quelle classiche, in cui l’autrice sbeffeggia gli stereotipi di genere affidando alla figura femminile le redini della storia, donandole un erotismo inedito e conducendola verso un finale vincente rimaneggiato in chiave ironica. Fuochi d’artificio nasce invece dall'esperienza dell’autrice in Giappone ed è il punto di svolta nella sua produzione, nonché il momento in cui il tema del femminismo diventa centrale: «In Giappone ho imparato cosa significa essere donna e mi sono radicalizzata».
Ai tesori custoditi all'interno di questa magistrale raccolta Angela Carter ha affidato il proprio testamento stilistico, servendosi di una scrittura raffinata, barocca, a tratti ermetica e costruendo una nuova mitologia femminista con cui condurre un’acuta analisi della società che supera le barriere del tangibile e penetra i meandri dell’immaginazione. Queste pagine, semplicemente, sono la testimonianza di una perdita incolmabile per la letteratura.
«Le sue cose migliori, secondo me, sono i racconti. La camera di sangue è il capolavoro della Carter. Probabilmente sarà il libro per cui verrà ricordata per sempre».
dall'introduzione di Salman Rushdie
«Una scrittrice raffinata dallo stile bizzarro, originale, barocco».
Margaret Atwood
«Talentuosa e fantasiosa scrittrice. L’immaginazione di Angela Carter non ha confini».
Joyce Carol Oates
Nell'antro dell'alchimista - Angela CarterRingrazio Fazi Editore per avermi fornito una copia di questa splendida raccolta di racconti e per star portando in Italia questa autrice da noi ancora troppo poco conosciuta, all'estero un mostro fondamentale della letteratura.
Il libro in questione è Nell'antro dell'Alchimista di, appunto, Angela Carter, primo volume di una antologia di racconti che raccoglie tutta l'opera breve di questa autrice.

Cosa include la raccolta di racconti

Nello specifico vi troviamo i quaderni giapponesi, racconti ispirati dalla permanenza dell'autrice nel Paese del Sol Levante, la Camera di sangue, racconto per cui la Carter è particolarmente nota e una raccolta di fiabe che definirei destrutturate.

Ci troviamo, infatti, di fronte a fiabe che tutti conosciamo (La bella e la bestia, Barbablù, Cappuccetto rosso, il Gatto con gli stivali...) ma riveduta e corretta dallo sguardo di Angela che prende sensualità, odori e sapori e li stravolge, li sconvolge e ti avvolge con un linguaggio studiato, sensuale e ingannatore, assuefacendoti ad uno stile unico e cosi immersivo da trascinarti in poche righe nel più assurdo dei sogni, degli incubi, delle realtà.

Angela Carter è un'autrice che ha tante chiavi di lettura, tante sfaccettature.
Lei raccoglie la sensualità delle fiabe tradizionali popolari sovvertendo la dominanza maschile di sesso e potere.
Nel suo racconto La camera di sangue, un po' il cuore della raccolta, il linguaggio è provocatoriamente diretto.
L'intera opera di Angela Carter è non addomensticata e non addomesticabile in una relazione tra il fiabesco e il fantastico.
Lei è stata la più immaginativa degli autori del suo secolo, linguisticamente e nel suo particolare modo di gestire i mood dei suoi personaggi e delle ambientazioni in generale.
Puoi letteralmente prendere una qualsiasi pagina scritta da Angela e rimanere flashato dal suo spirito e dalla sua immaginazione che ne permea ogni frase.
La raccolta si compone come un improvvisare, un esercizio stilistico, su fiabe e leggende dell'immaginario europeo.

Ci sono versioni di Cappuccetto Rosso, la Bella e la Bestia, storie in cui aspetti di una si mescolano nell'altra finendo per creare una unica nuova versione ibrida personale, a volte anche divertente come quella modellata sul Gatto con gli stivali.

Racconto come analisi


La collezione di questi racconti scritti tra il 1976 e il 1978 al tempo in cui l'autrice attraversava un periodo di sperimentazioni artistica e culturale e capitò in occasione della proposta del suo editore di occuparsi della traduzione di una raccolta di fiabe di Charles Perrault nel 1976.
Nell'antro dell'alchimista - Angela Carter A sua volta, l'autore francese era un collezionista e autore di fiabe, era quello un anno dove fu popolare l'attenzione del mondo dell'editoria sulle fiabe popolari: le fiabe insegnano ai bambini a far fronte alle difficoltà e ai pericoli del mondo da adulti spesso oscurando però aspetti come sesso o morte che sono per lo più nascosti, parafrasati o semplicemente non affrontati.

Se non per il forte valore simbolico Angela Carter è fortemente contraria a questo approccio.
Lei fu invece più coinvolta nel rivelarsi dell'immaginario con concetti di morte e sesso vividamente presenti che si rivelano nonostante la zona sicura del "racconto per bambini".
Ha voluto così raccogliere una collezione di favole in cui questi concetti più o meno esplicitamente crescessero fino a rivelarsi quasi per scherzo, in un modo che ha un che di disturbante a volte, usando anche immagini violente o erotiche, sensuali che discostano dall'immaginario infantile in una sorta di realismo sociale.

Il tema prevalente della raccolta è la sottile linea che corre tra la natura umana e quella ferale esposta come una vanagloriosa autosconfitta nella quale cerchiamo di distinguere noi stessi dall'altro sé animale.
La mia intenzione non era scriverne nuove "versioni" o, come è stato orribilmente pubblicato nell'edizione americana del testo, fiabe "per adulti", ma estrarre il contenuto latente dai racconti della tradizione.
il linguaggio cosi denso e metaforico usato da Angela Carter lo rende una fantastica opera creativa che crea immagini stupende, immersive e anche divertenti, e che creano atmosfere oniriche che si imprimono nella mente del lettore durante lo scorrere della pagina.

La visione d'insieme di questo, unito alla innegabile sensualità della sua prosa che si discosta dalla letteratura inglese del 900, rendono la prosa dell'autrice unica e speciale, da scoprire anche oggi e da rivalutare nella letteratura moderna.

Consiglio?


Lettura consigliatissima a tutti, nell'attesa del successivo volume che conclude la raccolta.

Chi è Angela Carter?

Nata a Eastbourne, in Inghilterra, ha studiato Letteratura inglese alla University of Bristol. Eclettica, anticonformista e grande viaggiatrice, ha trascorso due anni in Giappone, per poi esplorare Stati Uniti, Asia ed Europa. Socialista e femminista, è stata una scrittrice e giornalista impegnata, per la quale l’arte era indissolubilmente legata ai temi politici. La sua poliedrica opera letteraria è nota per la contaminazione fra i generi: nelle sue pagine si mescolano in maniera brillante elementi del gotico, della fiaba, del fantastico e della commedia erotica. Oltre ai racconti contenuti in Nell’antro dell’alchimista, fra le sue opere più note figurano i romanzi Figlie sagge e Notti al circo, entrambi pubblicati da Fazi Editore.


Aggiungilo al carrello: