Colpo di stato su un asteroide - Fabio Brinchi Giusti [recensione] LouchoBi BookS Parliamo di libri

News

LouchoBi BookS Parliamo di libri

Benvenuti, Amicony! Louchobi Books è un blog che parla di libri, fumetti, curiosità, novità, di tutto quello che vive attorno al mondo di inchiostro o di eInk. Un tavolo attorno cui si siedono gli amici per parlare delle loro letture e scambiarsi idee, consigli, scoperte, opinioni. Buona vita, Amicony e non smettete mai di sognare!

lunedì 2 marzo 2020

Colpo di stato su un asteroide - Fabio Brinchi Giusti [recensione]

Amicony oggi parliamo di Colpo di stato su un asteroide, di Fabio Brinchi Giusti.
Abbiamo per le mani qualcosa che ho solo una parola per descriverlo a pieno: g-e-n-i-a-l-e.
Geniale.

Colpo di stato su un asteroide - Fabio Brinchi Giusti

Una volta, tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana, esisteva una fantascienza specifica, una 
corrente particolare che rientrava nei canoni del manifesto della fantascienza classica ma che era molto ben definita in un quadro di critica sociale specifico, che ritagliava uno spazio fatto di avventura, mondi lontani, creature misteriose, intrighi e misteri per nascondere, in modo più o meno chiaro, una critica sociale forte e ben definita.

Oggi parliamo di Colpo di stato su un asteroide, di Fabio Brinchi Giusti, un giovane talento della Bookabook che, come sempre, ringrazio per la copia.
Tataka non è il classico imperatore a cui i tunsteni sono abituati. È insicuro, ansioso e con un segreto da custodire. Il malvagio Garka, creatura bellissima che si rende volutamente deforme per incutere terrore, ne approfitta: tramite la famigerata Centrale Troll, una struttura che permette di controllare i commenti su Internet, e con l’aiuto di alcuni robot di sua invenzione riesce a prendere il potere. Colpo di stato su un asteroide è una storia in cui si intrecciano piccole e grandi lotte, personaggi meschini e generosi, mai completamente buoni o completamente cattivi. Un mondo pieno di contraddizioni e, in fondo, non troppo diverso dal nostro. 

Il libro racconta del popolo alieno dei tunsteni, abitanti di un asteroide che, al momento, si trova nei pressi della Terra.
Il popolo tunsteno, infatti, è uso attaccare i pianeti cui gravita nelle vicinanze per i più diversi motivi.
Un sistema politico a monarchia assolutistica governato da imperatori che si susseguono per via genetica e un complesso ed articolato sistema religioso tirano le fila delle vite degli abitanti dell’asteroide fin dagli albori, fin da tempi ormai dimenticati in cui quell'enorme palla di terra si staccò dal pianeta d’origine e prese a vagare per l’infinito. 

Tataka è il nuovo imperatore e si trova dover affrontarne l’investitura proprio al termine di una guerra durata anni con il popolo della Terra che ha concesso all'asteroide un trattato di pace in cambio dello sfruttamento dei pozzi petroliferi di cui l’asteroide pare essere molto ricco e di cui i tunsteni non avrebbero saputo comunque che farne perché la tecnologia che hanno sviluppato non ne prevede l’uso ed inoltre perché la loro religione vede i loro dei come abitanti dell’interno del piccolo astro e non esterni nei cieli come gli altri popoli “fermi” sul loro pianeta.

Tataka però nella sua insicurezza ed inesperienza non teme solo il ruolo di Imperatore che segue quello di un potente e carismatico leader guerrafondaio che era il padre, ma cela un segreto nel suo animo cosi grande da minare la sua autorità e che lo rende vulnerabile.
Al suo fianco personaggi memorabili come Kometa, il blogger che ha rischiato tutto durante la guerra per tenere il suo popolo informato sulla verità e che al termine diventato un idolo per le folle, viene eletto consigliere dell’Imperatore a Tataka stesso.
Scusate ma lui proprio mi è rimasto impresso per vari motivi che sono tutti coperti dal Segreto di Spoiler.
La sorella di Tataka, i suoi consiglieri e guardie volanti (perchè sull’asteroide si può volare) lo affiancano in un momento di grande crisi politica in cui il popolo è fragile e diviso dopo una lunga guerra ed un futuro incerto.

Colpo di stato su un asteroide - Fabio Brinchi Giusti - the mask has the world in hand
Si insinua Garka, in questa situazione di paura e disordine, in questo clima in cui si cerca un obiettivo comune e una speranza nel futuro.
Garka è una creatura che appare mostruosa, vile e meschina, figlio di un popolo schiavo dei tunsteni (i Mostri, appunto) ma che essendo figlio di entrambe le specie ha la caratteristica di essere bellissimo e il potere di cammuffarsi ed apparire, appunto, mostruoso.
Egli si avvale del numero di una schiera infinita di schiavi Mostri e robot di sua creazione, opportunamente chiamati "La centrare Troll" (!) che costringe davanti ad infiniti computer collegati ad altrettanti account a smuovere l’opinione pubblica attraverso un sistema di social per la sua causa contro quella dell’Imperatore. 
In pratica il mostro cerca di ottenere il consenso delle masse oppresse e spaventate, che basano le proprie opinioni su quelle nei commenti degli altri per uniformarsi alla massa in un fronte comune di ignoranza, paura e opportunistica a vantaggio unico di Garka mosso da interessi, inizialmente sconosciuti e misteriosi ma che nascondono una genialità macchinosa e machiavellica, al solo ed unico scopo, ovviamente, di ottenere il potere per strapparlo a chi ne ha il legittimo diritto. 

Se ancora non vi ha suonato nessun campanello o se per caso la cosa non vi suona familiare direi che state tralasciando il discorso della politica delle fake news e della disinformazione che ultimamente e negli ultimi anni sta distruggendo il livello di quoziente intellettivo della popolazione umana.

Quello che abbiamo di fronte è un libro in cui viene analizzato il potere che ha l’opinione pubblica, soprattutto se opportunamente manovrata sul popolo medio. 
Inoltre ci fa anche riflettere sul fatto che non è sempre una delle due parti quella in torto ma che alla fine dei conti entrambe le fazioni hanno l’enorme handicap di badare solo a se stesse senza pensare a qualcosa di banale e naturale come dovrebbe essere una semplice discussione basata sui fatti. 

Il colpo di Stato di cui si parla nel titolo del libro infatti è quello da parte del popolo rozzo ignorante che viene smosso da motivazioni inesistenti per quanto attualissime come l'ingiustizia paritaria tra le classi sociali, l'omosessualità, lo sfruttamento nella sindrome post traumatica, della guerra, della  povertà economica e intellettuale, di soldi e desiderio di potere nei confronti della società regnante nobile e probabilmente ingiusta per quanto sicuramente non egualitaria. 
Al contempo però vediamo che la parte avversa quella inizialmente perdente è quella che sembra la vittima di una società animalesca smossa da concitati mostri dei social e a suo tempo una società corrotta e corruttibile e soprattutto non trasparente alle stesse dinamiche che avvengono nel resto del popolo. 
Insomma che siamo sulla Terra o su un asteroide tutto l'universo è paese ed è il cammino che percorre Tataka, il nostro protagonista, fondamentalmente, quello che te lo fa capire fin dalle prime pagine per arrivare ad una conclusione che sembra un po’ affrettata ma che invece ho trovato geniale perché chiude nella sua rapidità e semplicità tutto il messaggio che si è voluto mandare con questo libro.
Colpo di stato su un asteroide - Fabio Brinchi Giusti - meteora

Vorrei poterle parlare e fare qualche accenno sul concetto della maschera, l’artefatto di cui il protagonista in possesso, purtroppo rischierei di fare uno spoiler piuttosto grave e sarebbe un peccato per me andar via rovinare una lettura che fondamentalmente è breve e si legge davvero rapidamente sia per il modo in cui è scritto sia per il fatto che la narrazione è parecchio serata a volte è talmente tanto che fa perdere il filo logico degli eventi.

Consigliato?

Beh insomma sappiate che se ne volete parlare sapete dove trovarmi. 

Per concludere dico solo che vorrai un giorno conoscere l’autore stringergli la mano abbracciarlo e dirgli grazie perché di opere come questo c’è bisogno oggi come tanto tempo fa e come si spera in futuro non servano più se non come monito. 
Ma per ora tutto quello che rimane da fare è rimettersi la maschera e sperare in un futuro migliore.

Chi è Fabio Brinchi Giusti

Acquistalo su AmazonFabio Brinchi Giusti, classe 1990, dopo la laurea in Scienze Politiche ha lavorato come giornalista, blogger, centralinista, social media manager, copywriter e addetto stampa. Ha pubblicato i racconti Dillo alla luna e 666 app. Colpo di stato su un asteroide è il suo romanzo d’esordio.








Acquistalo qui: