Fallow - Jordan L. Hawk [recensione] LouchoBi BookS Parliamo di libri

News

LouchoBi BookS Parliamo di libri

Benvenuti, Amicony! Louchobi Books è un blog che parla di libri, fumetti, curiosità, novità, di tutto quello che vive attorno al mondo di inchiostro o di eInk. Un tavolo attorno cui si siedono gli amici per parlare delle loro letture e scambiarsi idee, consigli, scoperte, opinioni. Buona vita, Amicony e non smettete mai di sognare!

martedì 15 settembre 2020

Fallow - Jordan L. Hawk [recensione]

Bentrovati Amicony nel consueto appuntamento con il nuovo episodio della saga di Whyborne e Griffin dal titolo Fallow di Jordan L. Hawk, edito in Italia da Triskell edizioni che ringrazio come sempre per la copia.

Fallow - Jordan L. Hawk
Clicca sull'immagine

Le avventure di Whyborne e Griffin mi trascinano nel fantastico reame di Widdershins come ben poche altre saghe hanno mai fatto ed ovviamente ho sempre bisogno di leggere al più presto ogni nuovo capitolo che viene prodotto. 

E dopo ben otto libri - perché, ahimè, ancora non abbiamo le novelle d'appendice tra un episodio e l'altro - devo dire che ne sono tutt'altro che annoiato.

Quando il passato di Griffin si scontra con il suo presente, gli costerà le vite di tutti coloro che ama?

Tra la minaccia di un’invasione da fine del mondo dall’Esterno e le rivelazioni spiacevoli sulla propria natura, Percival Endicott Whyborne è sotto pressione. Suo marito, Griffin Flaherty, vuole aiutarlo, ma come può farlo se Whyborne non vuole dirgli cosa c’è non va?
Quando un uomo che proviene dal passato di Griffin uccide uno stregone, la situazione diventa ancora più disperata. L’assassino, che una volta era un semplice agricoltore di Fallow, la città natale di Griffin, ha addosso il marchio di una terribile corruzione magica, che nemmeno Whyborne riesce a spiegare.
Per garantire la sicurezza della madre di Griffin, devono viaggiare fino a una città morente del Kansas. Ma mentre la siccità fa appassire i raccolti di Fallow, un culto sinistro si radica in quel suolo arido. E se il tremendo raccolto del culto non verrà bloccato in tempo, Fallow sarà solo la prima città a cadere.

Fallow è l’ottavo libro nella serie Whyborne & Griffin, dove la magia, il mistero e il romance m/m si amalgamano con l’età Vittoriana in America.

Questa è una di quelle serie di cui non se ne ha mai abbastanza, che si teme pagina dopo pagina che ci si stia avvicinando inesorabilmente al capitolo conclusivo, che ogni uscita potrebbe essere l'ultima. 
Purtroppo non siamo così lontani dalla verità, al momento almeno, ma per ora siamo consapevoli che stiamo vivendo un'avventura grandiosa coi personaggi che ormai amiamo da tempo e che consideriamo veri e propri conoscenti.

Le storie continuano a diventare sempre più interessanti, lo stile migliora ad ogni passo e la narrazione si mantiene sempre fresca.
I personaggi trovano nuovi modi per svilupparsi, anche se rimangono fedeli a se stessi, evolvendosi al giusto ritmo narrativo.


Trame di trama

Ecco, sinceramente mi aspettavo che questo volume partisse subito dopo le vicende narrate nel precedente, data la sua rocambolesca conclusione e che venissero rivelate le ripercussioni immediate di quanto successo: ma non avviene.

Dagli ultimi eventi che hanno visto manifestarsi il Vortice sotto Widdershins e Whyborne ha scoperto qualcosa di più sulla sua natura, è passato qualche tempo.
I nemici si stanno riorganizzando e non lasciano tregua ai nostri eroi, che si preparano a combattere qualsiasi avversità dovesse presentarsi alla loro porta.

Ed è alla porta di Griffin che il passato torna per rispondere a domande da troppo tempo dimenticate o lasciate indietro tra le sabbie del tempo.
Le sabbie del Kansas per la precisione.

Come di consueto, il passato torna in qualche modo a deviare il percorso del nostro gruppo di protagonisti e questa volta è a Griffin che fa da padrone.
Un uomo prende contatti con Whyborne e durante un ritrovo perde la vita ma non prima di aver avvertito il gruppo di un imminente pericolo, enorme e oscuro.
Ma non è finita qui, ci sono uomini disposti a tutto, anche all'estremo sacrificio, pur di uccidere... Griffin!

Sulla base dei sospetti che sorgono a Whyborne e Christine e di alcuni timori di Griffin nei confronti di , unico dei genitori adottivi che è sopravvissuto, si parte per Fallow, città dopo il nostro exPinkerton è cresciuto dopo l'adozione e da cui è stato allontanato per non destare troppo scandalo dopo la scoperta di una sua relazione con un ragazzo.

Intrighi e società segrete, nuove creature oscure minacciano il fiume di energia mistica che separa questo mondo dall'altro e nuovi nemici, strane alleanze e inaspettate rivelazioni arricchiscono la trama della nostra saga preferita.
Nel frattempo scopriamo ulteriori segreti del tormentato passato di Griffin e arricchiamo il dramma personale tra i nostri protagonisti.

La conclusione giunge un po' affrettata dopo un serrato rincorrersi di eventi che si susseguono a ritmo serrato e rimane un senso di incompletezza e di attesa verso il prossimo episodio della serie. 


Sinceramente commosso da Jordan

Alla fine del libro l'autrice ci informa di diversi piccoli fatti che hanno riguardato la stesura di questo romanzo, primo fra tutti la difficoltà di affrontare argomenti come povertà, fame e schiavitù negli Stati Uniti di inizio secolo scorso.
Il tutto ha commosso l'autrice nel mettere in questo mix di argomenti la vita del nostro Griffin.

Fallow Jordan L Hawk copertina
Clicca sull'immagine

Con lui c'è andata parecchio pesante, eh...

Sarà che mi trovo più in empatia con lui, cosa che credo sia decisamente condivisa con la maggioranza dei lettori della saga, ma quando si tocca Griffin un po' tutto prende una piega più intensa.

Se devo essere puntiglioso ho trovato un po' fastidioso l'atteggiamento di Whyborne in questo episodio perché quanto successo nel precedente non giustifica il suo comportamento di questo.
Non posso dire molto per non sfociare in spoiler indesiderati ma senza qualcosa che determinasse il passaggio dall'episodio che ha visto Whyborne protagonista, appena conclusosi agli occhi del lettore, a questo Whyborne combattuto sulla natura dei suoi legami con la città e gli altri protagonisti che gli ruotano attorno si fa fatica a seguirne i ragionamenti ed entrare in empatia con lui.

Però poi, vabbeh, arriva il gallo e passa tutto (capirete leggendo).

Come in tutti i libri di Whyborne e Griffin, ci sono molti colpi di scena e nuove rivelazioni e nuovi spunti che aprono a mille ipotesi e nuovi possibili scenari futuri anche se un orizzonte di destinazione comincia a profilarsi.
La sensibilità dell'autrice e la sua attinenza storica, frutto di uno studio approfondito, è una caratteristica peculiare del lavoro della Hawk e in questo volume, forse più che in altri, viene sottolineata questa sua caratteristica per argomenti come il matrimonio interrazziale e il suffragio femminile, oltre a tutto il resto.

Da leggere, ovviamente, mentre ci si mangia le unghie in attesa del prossimo capitolo!


Qui trovate i link ai precedenti articoli in ordine di lettura:


Acquistalo qui: