Freaks - Tod Robbins [recensione] LouchoBi BookS Parliamo di libri

News

LouchoBi BookS Parliamo di libri

Benvenuti, Amicony! Louchobi Books è un blog che parla di libri, fumetti, curiosità, novità, di tutto quello che vive attorno al mondo di inchiostro o di eInk. Un tavolo attorno cui si siedono gli amici per parlare delle loro letture e scambiarsi idee, consigli, scoperte, opinioni. Buona vita, Amicony e non smettete mai di sognare!

Challenge annuale:

Readingthedarkchallenge - Libri consigliati Gotico | Horror | Weird reading challenge [consigli]

Ultimi Articoli:

Freaks - Tod Robbins [recensione]

Ciao a tuttiз Amicony, oggi parliamo di Freaks di Tod Robbins, sesto volume della collana La Biblioteca di Lovecraft, edito Arcoiris edizioni.

Tre racconti inediti in Italia dell'autore del racconto Spurs, che ha ispirato il controverso Freaks, un film degli anni 30 del regista Browning.
Sono tre racconti piuttosto celebri dell'inizio del secolo di un autore che purtroppo a noi in Italia non è arrivato e questa piccola raccolta è un ottimo modo per riempire questa falla culturale.


Freaks - Tod Robbins [recensione]

La sesta uscita de La Biblioteca di Lovecraft propone un trittico a firma Tod Robbins.
Freaks (titolo originale: "Spurs") è il racconto che ispirò il film "maledetto" di Tod Browning del 1932, bandito in molti Paesi (in Inghilterra per oltre trent'anni) e trasmesso dalla nostra televisione solo nei primi anni '80.
Lo affiancano due novelette, anch'esse ripescate dalle riviste pulp dell'epoca, di cui H.P. Lovecraft fu appassionato lettore e collaboratore: "Il ritratto vivente" e "I giocattoli del Destino", entrambe inedite in Italia.
La macabra fiaba sulla diversità di Freaks, dall'esito beffardo, trova degna compagnia in queste due corpose escursioni nel soprannaturale, dai toni ora più canonici per il weird (il perturbante dei quadri animati), ora bizzarri e giocosi, ma solo in apparenza (lo straniante di un destino dai disegni imperscrutabili e crudeli).
L'edizione è illustrata, introdotta da Harden Harrison (membro fondatore della thrash band Rigor Mortis, che a Freaks dedicò un omonimo EP) e arricchita da una postfazione di Walter Catalano.
La traduzione è a cura di Gianluca Venditti.

Venghino siore e siori, venghino! [trama]

I tre racconti che compongono la raccolta sono molto diversi tra loro e compongono una selezione accurata e specifica delle opere dell'autore.
Per quanto non saprei dire quale sia quello che ho preferito tra tutti (non è vero, il Ritratto vivente l'ho adorato) ma di sicuro hanno tutti e tre degli ottimi elementi per cui apprezzarli.


Il ritratto vivente
La vita di un Viktor Frankenstein ossessionato dalla scienza e dal sogno ossessivo di creare qualcosa di rivoluzionario, in grado di portare grandi innovazioni all'umanità ed aumentare il potenziale della ricerca scientifica.
Freaks - Tod Robbins [copertina]
Clicca sulla copertina!
L'uomo è un genio, un alchimista moderno, che collabora con il suo inseparabile amico finché una donna non si frappone e manda in malora i progetti dei due uomini. 
Una storia di tradimenti e passioni, di vendetta e affermazione.
E il meraviglioso e misterioso dipinto, un ritratto che ha qualcosa nel soggetto che va oltre la concezione pragmatica di scienziato del protagonista, ispirato da un Oscar Wilde oscuro.
Dove ragione e follia si confondono, dove un ossessione diventa un incubo.

I giocattoli del destino
Un uomo in viaggio in treno è intrattenuto dall'incontro fortuito con una persona che probabilmente pare abbia proprio bisogno di qualcuno con cui sfogarsi.
Perché questo sconosciuto ha un peso di cui vuole liberarsi, ha vissuto un incubo che necessita di condividere.
Perché quest'uomo ha scommesso e giocato col Destino, non metaforicamente, ma davvero.
Un vecchio, strano e inquietante vecchio gioca con le vite come un burattinaio con le sue marionette.
Non c'è un disegno, non c'è un fine assoluto o un piano complicato, solo follia, la follia di un vecchio pazzo, sporco e crudele oltre ogni limite.

Freaks
Una locandina di un Circus of oddities and curiosities
Il racconto che da il titolo alla raccolta e che nella sua versione originale ha ispirato uno dei più controversi film della produzione americana degli anni 30, parla di un concetto che oggi è quasi alieno, quasi impossibile da concepire e sopratutto condividere.
Siamo in un epoca in cui le deformità, le anomalie dei corpi sono visti come qualcosa di grottesco, curioso, che attira odio e risate.
Figlio di un'altra epoca, questo racconto parla della comunità di un Circus of Oddities and Deformities, un tipo di spettacoli che ha sempre avuto un enorme successo nel pubblico nel secolo scorso, tanto da attirare frotte di curiosi e di pubblico che si divertivano a guardare, ridere e rabbrividire questi sfortunati uomini e donne affetti dalle più diverse anomalie genetiche o deformità fisiche.
M. Jacques Courbé è una piccola persona, tanto che in groppa a un cane lupo figura come un cavaliere a cavallo del suo destriero. 
E lui impettito attraversa ogni sera il palco per prendersi risate, frutta marcia e ammirazione del pubblico che va in visibilio alla sua comparsa.
Si innamora perdutamente di Mlle Jeanne Marie, una esotica bellezza di rara eleganza che si frequenta però con un bruto bell'imbusto ed entrambi non fanno che scherzare e prendere in giro il povero Courbé.
Almeno finché il giovane nano non eredita da un lontano parente una fortuna spropositata e non può che chiedere la mano alla bella Mlle.
Lei cede alla proposta, interessata più al patrimonio che al suo cavaliere, ma non tutto va come nessuno di loro aveva previsto. 


La vita è un circo dove o sei lo spettatore o sei l'attrazione principale [recensione]

Tre racconti che mi hanno lasciato senza parole.
Tre storie che hanno come linea di connessione quello che è l'anima umana, il bilanciamento tra ragione e istinto, il limite al di la del quale il bene diventa male e il male è una vittima.

Il primo racconto è un caleidoscopio di argomenti ricorrenti nella narrativa dell'epoca, amalgamati in un racconto unico spettacolare e dai risvolti inaspettati, con colpi di scena e inattese svolte che intrattengono e portano a domandarsi altro. 
Quando l'avrete terminato vorrete saperne di più, vorreste l'autore avesse scritto altro in merito a un sacco di idee e di concetti che vi ha buttato dentro che vengono solo accennati.
Un racconto del genere, oggi, sarebbe il primo capitolo di una saga di successo fantastica.

Ne I giocattoli del Destino è sconcertante come si sfiori il concetto di follia e come il confine tra giusto e sbagliato, bene e male venga assottigliato e il discernimento tra i due venga messo cosi a dura prova.
Allucinante e perverso, il destino è quel che è e non possiamo far nulla per cambiarlo quando un burattinaio pazzo tira i fili della nostra vita.

Freaks è l'apice dell'apoteosi di quel senso di peccaminoso istinto di vendetta che tutti noi celiamo nel cuore.
Il lettore è dalla parte di uno, poi dell'altra, poi di un altro ancora dei vari protagonisti, chiedendosi in cuor suo chi sia, alla fine dei conti, il vero mostro.
Sembra banale come concetto e sicuramente puzza di già sentito ma, credetemi, non è assolutamente prevedibile la trama di questa storia e sa tanto di favola grottesca per educare, di quelle crude e originali, non di quelle ripassate dalla Disney.

Ad arricchire il tutto, come ormai questa collana ci ha abituato e ci vizia, illustrazioni d'epoca e piccoli approfondimenti al termine di ogni racconto per farci immergere ed immedesimare nelle storie che leggiamo e che, queste, ci rimangono attaccate per qualche tempo, ripetendoci nella testa la domanda: chi è il cattivo?

Chi è Tod Robbins? [autore]

Clarence Aaron Robbins (25 giugno 1888 - 10 maggio 1949), meglio conosciuto come Tod Robbins, è stato un autore americano di narrativa horror e mistero.
Robbins ha scritto due raccolte di racconti e diversi romanzi.
Il suo lavoro contiene spesso trame bizzarre e spaventose, a volte influenzate da scrittori come Oscar Wilde e Robert W. Chambers.
Mysterious Martin (1912) di Robbins è uno dei primi romanzi su un serial killer.
Il suo romanzo The Unholy Three (1917) è stato adattato due volte per lo schermo, una versione muta diretta da Tod Browning nel 1925 e una versione sonora diretta da Jack Conway nel 1930. Robbins è stato anche l'autore del racconto "Spurs", che Browning ha usato come base per Freaks (1932), un film che in seguito ha sviluppato un seguito di culto.
Alcuni dei lavori di Robbins sono stati successivamente ristampati nella serie di antologie horror "Creeps" curata da Charles Birkin.


Acquistalo qui:

Si ringrazia sentitamente la casa editrice per averci fornito la copia ARC per questa recensione.