Figlia di Luna - Greta Xella [recensione] LouchoBi BookS Parliamo di libri

News

Ultimi Articoli:

Figlia di Luna - Greta Xella [recensione]

Ciao a tutti lettori, sono Aldo bentornati nell'Angolo dell'Ashura dove oggi vi presento Figlia di Luna di Greta Xella, edito Bao Publishing.


Come state? Come procedono le vostre letture?


Una piacevole scoperta [trama]


Figlia di Luna Greta Xella recensione
Non so se capita anche a voi ma con l'arrivo dell'autunno ho sempre bisogno di letture fresche e ricche di colori. Forse questo bisogno è caratterizzato dai colori autunnali, dall'arrivo del "freddo" oppure sto diventando pian piano sempre più vecchio.
Per chi non mi conoscesse appieno per "colori freschi e vivaci" intendo quella moltitudine di colori, soprattutto pastello, capaci di scacciare negatività, cattivo umore e cambiare radicalmente la visione della giornata.
Prendetemi per folle ma, credetemi, è una terapia che funziona realmente.
Parlando di storie colorate, fresche e assolutamente geniali non posso non parlarvi della mia ultima lettura: Figlia di Luna. Questo titolo è stata una vera e proprio sorpresa perché non conoscevo minimamente l'autrice ed è partita una nuova ossessione. Per la serie: Greta adesso hai un nuovo stalker che ti seguirà in ogni singolo lavoro ♥
Figlia di Luna è il primo graphic novel della giovane autrice, una vera e propria bomba per gli occhi e per il cuore.


Greta Xella, al suo debutto nel fumetto longform, ci regala la storia di Tia, una ragazzina la cui madre soffre di una malattia misteriosa, che la rende – a volte – ostile perfino alla sua famiglia, quasi come se non la riconoscesse. Tia è stanca di sperare che le cure il padre sottopone la donna che ama prima o poi abbiano effetto, ma un giorno il problema assume una dimensione completamente diversa, quando in seguito a una delle crisi della madre i suoi genitori sembrano scomparire, e a Tia non resta che imbarcarsi in un viaggio senza certezze, alla ricerca di un rimedio che forse non esiste nemmeno. Incontrerà amici inaspettati e alleati improbabili, e nel conoscere le regole del mondo, imparerà a capire il proprio valore. Una favola iniziatica dal fortissimo potere lenitivo, per sussurrare a chiunque la legga che non è solo, mai.

 

Il mondo di Tia [recensione]


Figlia di Luna Greta Xella recensione
La storia è ambientata in un mondo fantasy caratterizzato da magie ed incantesimi, esseri mistici, maledizioni e sortilegi e la protagonista è Tia, una ragazza vivace e "peperina" che, a differenza di tutti i suoi coetanei spensierati e liberi, vive una situazione familiare abbastanza particolare.
La mamma soffre di una terribile malattia incurabile, un male profondo che ha intaccato le relazioni familiari e pian piano sta divorando tutto il resto.
Sin da piccola non è riuscita a creare un legame con la madre, non è riuscita a creare quel collante e quel rapporto capace di affrontare qualsiasi problema.
Durante la festa di compleanno riceve una lettera del padre, richiamandola a casa; la madre sta leggermente meglio e finalmente potrà vivere un accenno di serenità.
Ma la tranquillità dura uno schiocco di dita. Ogni volta che il genitore incrocia lo sguardo della povera ragazza inizia ad avere forti dolori dappertutto.

Una madre può star male alla vista della figlia? Tutto questo è giusto?


Figlia di Luna Greta Xella recensione
La situazione precipita vertiginosamente quando, dopo un ennesimo attacco, la mamma e il papà spariscono/esplodono all'improvviso, lasciando la povera Tia nelle macerie della propria casa.

Provate a immaginare come si possa sentire: la madre è malata per causa sua, ogni volta che la vede si sente male ed è letteralmente sparita, portando con sé  il padre. Io mi sarei già sentito male!

Da qui in avanti (ovviamente non farò spoiler) Tia inizierà un lungo viaggio per poter salvare la propria famiglia e recuperare ogni rapporto perduto.
 
Figlia di Luna, a mio avviso, è una lettura adatta a tutte le età perché vengono affrontate tematiche molto differenti tra loro. In primis il rapporto turbolento con i genitori, gli alti e bassi che caratterizzano ogni rapporto famigliare. Gli scontri, l'amore, la rabbia e la felicità che accomuna ogni tipo di famiglia. 
Il viaggio e la ricerca di Tia rappresentano il passaggio dall'adolescenza all'età adulta, l'accettazione delle responsabilità e dei problemi della vita. Un viaggio lungo e doloroso che alle fine saprà ripagare appieno. 
 
Il vero punto di forza di questo racconto sono i disegni. Non potete capire quanto siano oggettivamente perfetti. Ogni singola tavola, ogni singolo anfratto vi toglierà il fiato. Ci troviamo dinnanzi a un mondo fantasy complesso, pericoloso e spettacolare. Ogni aspetto è curato nei minimi dettagli e ogni personaggio, persino il più marginale, è realizzato in un modo a dir poco maniacale. 
Creare un mondo fantasy è davvero difficile ma Greta è riuscita nel suo intento. Il mondo di Tia è uno spettacolo e anche voi, come me, dovete amarlo alla follia.
 
Ringraziamo la casa editrice per la copia stampa.


Chi è Greta Xella?

Greta Xella, di età e ubicazione ignote. Da svariati anni sta cercando di ottenere la residenza nell’amigdala di Jodorowsky e nel frattempo continua la sua lotta alla maledizione del segno perpetuo, una condizione abbastanza comune per la quale se non disegni niente per un tot di tempo, la tua vita finisce. Come una falena con il fuoco, Greta è attratta dai problemi, con cui alimenta in modo sconveniente il proprio bisogno di comprendere le persone. Ossessionata dalla psicologia, dal misticismo e dalle luci di Natale, le è stato suggerito da sé stessa che sarebbe stato terapeutico iniziare a scrivere delle storie, in cui far convergere tutta la bile maniacale che la possiede, trasformandola in qualcosa di positivo.


Per ora (ma solo per ora) è tutto, Ashura vi saluta e... ci leggiamo dopo!